Spesso ci sentiamo dire che trovare lavoro è già un lavoro. Questo perchè la ricerca di lavoro è un vero e proprio impegno e come tale vanno rispettate alcune regole non scritte. Per cercare lavoro infatti, è importante prestare attenzione ad alcuni accorgimenti comportamentali da attuare e altri che è meglio evitare.

Ma quali sono le 5 cose da fare per cercare lavoro in maniera efficace?

  1. Cura il tuo Curriculum Vitae: Il CV è ancora oggi il principale “Passpartout” per il mondo del lavoro, quasi completamente scomparso nella sua versione cartacea, è però ancora molto richiesto nella versione digitale. E’ importante tenerlo costantemente aggiornato, prestando attenzione a non commettere errori di ortografia, cercando di essere sintetici ed esaustivi. Il consiglio è di non andare mai oltre 1 o 2 pagine.

Guarda i nostri consigli su come creare un curriculum vitae efficace

  1. Cura la tua immagine sul web: fino a qualche anno fa probabilmente nessuno avrebbe pensato di dover curare la propria immagine online. Oggi questo fattore è particolarmente importante anche per avere successo nella ricerca di lavoro. La maggior parte dei Recruiter verifica anche i profili social, le attività e le pubblicazioni. Quindi state attenti a cosa pubblicate!

 

  1. Crea e cura il tuo profilo Linkedin: anche Linkedin rientra nelle raccomandazioni per la cura dell’immagine sul web, ma merita una menzione a parte in quanto universalmente riconosciuto come il Social network professionale per eccellenza. Con Linkedin puoi trasporre il tuo profilo professionale sul web, entrare in contatto con professionisti di settore e dare visibilità alle tue esperienze e competenze. La quasi totalità dei Recruiter utilizza Linkedin per trovare candidati, è facile quindi capire il motivo per cui è importante prendersene cura.

 

  1. Crea un account per fare videochiamate: All’interno del processo di selezione i video colloqui sono sempre più diffusi e richiesti da parte dei selezionatori. Oggi, con l’emergenza dovuta alla diffusione del Coronavirus, il colloquio a distanza acquisisce ancora di più un’importanza strategica. Per questo motivo creando un account per fare videochiamate, arriverai preparato nel caso in cui il selezionatore ti richiederà di fare un video colloquio.

Guarda i nostri consigli su come affrontare un buon video colloquio

  1. Crea il tuo videocurriculum: In aggiunta al CV cartaceo, può essere di supporto nel processo di selezione un videocurriculum. La novità più rilevante consiste nel fatto che il classico curriculum vitae diventa una presentazione video. Tramite il Video Cv hai modo di illustrare al meglio il tuo profilo professionale e le tue capacità comunicative. Il video CV serve per suscitare l’interesse, la curiosità e aumentare le chance di essere contattato di persona.

Guarda i nostri consigli su come preparare un buon video curriculum

Quali le 5 cose che invece non dovresti fare quando stai cercando lavoro?

  1. Essere troppo informale: nei modi di fare e nel modo di vestirsi. L’occhio vuole la sua parte, vestirsi bene è già un ottimo biglietto da visita.

 

  1. Non impegnarsi: non documentarsi sull’azienda, non curare la propria igiene, arrivare in ritardo, prestare poca attenzione alla stesura del Cv o alla lettera di presentazione, sono tutte indicazioni che mostrano quanto tu ti sia impegnato in questa fase di ricerca.

 

  1. Mostrare poco interesse generale: stare al telefono in sala d’attesa, pettinarsi o truccarsi in pubblico, fumare e bere prima del colloquio, denotano una mancanza di interesse generale e di poca concentrazione per un evento importante quale può essere un colloquio di lavoro.

 

  1. Parlare senza pensare e interrompere spesso: è buona educazione lasciar finire di parlare, il selezionatore è molto interessato a quello che hai da dire, ma se sta parlando meglio lasciarlo finire. Allo stesso modo rispondi sempre coerentemente alle domande che ti vengono poste.

 

  1. Condividere troppe informazione, esagerare o addirittura giurare e spergiurare: sii sempre formale ed educato. Non dire più di quello che ti viene richiesto, almeno che non sia inerente alla domanda fatta dal selezionatore.

 

LEGGI ANCHE:

Gli strumenti digitali per cercare lavoro

WEBINAR: cos’è e quali i consigli per seguirlo in modo efficace