L’Opzione Donna è l’opportunità di accedere alla pensione anticipata, per le lavoratrici del settore pubblico e privato, con un assegno dal valore calcolato totalmente con il sistema contributivo. Questa possibilità, introdotta dalla Legge Maroni 243/04, è stata prorogata per quest’anno grazie all’ultima Legge di Bilancio.

Chi può usufruirne?

L’Opzione Donna è una misura accessibile per le lavoratrici dipendenti con almeno 58 anni, e per quelle autonome con 59, che hanno maturato entro la fine dell’anno scorso 35 o più anni di tributi. Con questa misura le richiedenti accettano però un taglio dell’assegno dovuto al calcolo interamente contributivo della pensione, che comporta una decurtazione di circa il 25/30% sull’importo originale. Al contrario, questa possibilità diventa inaccessibile per coloro che avevano già optato in precedenza per il sistema contributivo, dato che in questo caso la lavoratrice rientrerebbe nella categoria dei soggetti contributivi puri, per i quali non esistono prestazioni conseguibili con 58 anni d’età (o 59 per le autonome) e almeno 35 anni di tributi. Esiste, tuttavia, una soluzione per le donne che avevano scelto in passato il sistema contributivo con l’obiettivo di usufruire del diverso calcolo sull’onere di riscatto, pur volendo accedere all’Opzione attualmente prorogata. L’Inps, infatti, ha previsto che la selezione del sistema contributivo, che non abbia provocato effetti sostanziali fino al pagamento anche parziale dell’onere di riscatto, non preclude il riconoscimento di accesso a Opzione Donna.

Come si applica?                                                                        

Questa possibilità di prepensionamento femminile entra in vigore per le donne con lavoro dipendente in una finestra mobile di 12 mesi a partire dalla data di conseguimento dei requisiti pensionistici, mentre questo intervallo sale a 18 mesi per le lavoratrici autonome.

Come si richiede?

La domanda per accedere all’Opzione Donna può essere sottoposta attraverso l’apposito servizio online, rivolgendosi al contact center oppure tramite patronati e intermediari.